Come ottenere i migliori risultati dal tuo lifting viso?

tradgoNonostante la sempre crescente popolarità delle procedure di ringiovanimento facciale non chirurgico, il lifting chirurgico rimane ancora un’opzione popolare per i pazienti che cercano di apparire più giovani e riposati. In effetti, i risultati dei trattamenti non chirurgici raramente si avvicinano a quelli di un lifting eseguito da esperti. Quindi, come spieghiamo la varietà di risultati lifting che vediamo nella nostra vita di tutti i giorni? Alcuni sono incredibili, altri … non così tanto.

Chi è il miglior chirurgo plastico per me?

Un fattore è il chirurgo plastico che esegue la procedura. Si dovrebbe prendere il tempo per trovare il chirurgo plastico giusto per loro. Ci sono molte risorse su questo sito che ti aiuteranno a imparare come scegliere il chirurgo giusto per le tue preoccupazioni. Nessun chirurgo può essere un esperto in tutte le procedure di chirurgia plastica estetica, quindi se stai cercando di avere una procedura di lifting facciale assicurati che il tuo chirurgo plastico si concentri sui lifting.

Quanti anni ho davvero?

Un altro fattore è il paziente stesso. Più specificamente è lo stato dell’anatomia di partenza del paziente. Quando valuto un paziente per un intervento di lifting facciale, le domande che mi pongo sono le seguenti:

Quanta perdita di volume ha questo paziente?
Quanti danni ha la loro pelle sostenuta?
Che tipo di asimmetrie mostra il loro viso?
Quanto saranno probabili seguire le mie istruzioni post-terapia?

Gestione della perdita di volume

Al momento di decidere come ringiovanire chirurgicamente il viso che invecchia, una cosa che guardo è il volume. Man mano che invecchiamo, l’osso e il grasso si perdono, creando un aspetto sgonfio e cedevole sul viso. L’aggiunta di volume al viso durante l’intervento ottimizzerà i risultati e darà un aspetto più naturale. Le opzioni per aggiungere volume includono iniezioni di filler , trasferimento di grasso facciale e chirurgia implantare facciale.

Ottenere la pelle in forma per la chirurgia

La pelle sana è la chiave per un buon risultato lifting. Quando la pelle ha subito anni di danni causati dal sole, il paziente fuma sigarette e / o la dieta yo-yo ha provocato la perdita della pelle, i risultati della chirurgia lifting resteranno probabilmente deludenti. Tutti i pazienti beneficiano di un ciclo di preparazione della pelle prima dell’intervento di lifting per ottenere la migliore forma possibile per la chirurgia. Le opzioni per la preparazione della pelle includono: smettere di fumare, usare la protezione solare, la cura della pelle di grado medico, procedure della pelle (microdermoabrasione , peeling chimico , microneedling, dermaplaning) e procedure di rassodamento della pelle (ultrasuoni, radiofrequenza, laser).

Gestire l’asimmetria

Tutti hanno asimmetrie del viso. In realtà, è meglio presumere che non sarai ancora perfettamente simmetrico dopo l’intervento. Detto questo, piccole asimmetrie nel volume e nella posizione possono essere gestite apportando modifiche durante l’intervento. Un buon chirurgo sarà in grado di individuare queste asimmetrie e renderle conto durante la procedura. Questo aiuta ad ottenere i migliori risultati per il paziente.

Un buon aftercare è essenziale

Se acquisti una Ferrari, probabilmente la prenderai per ottenere dettagli ogni tanto. Otterrai l’olio cambiato e le ruote ruotate. Dovresti vedere mantenendo i risultati del tuo lifting allo stesso modo. Non è realistico presumere che una volta ottenuto un lifting, non devi fare nient’altro. In effetti, è essenziale che ti prendi cura di te per mantenere il tuo ringiovanimento del viso alla grande negli anni. Il lifting medio dura 7-10 anni prima che un paziente abbia abbastanza anni per richiedere un lavoro aggiuntivo. Le cose che aiutano a mantenere i risultati del ringiovanimento del viso includono evitare il fumo, l’uso del filtro solare, la cura della pelle medica, le procedure di ringiovanimento della pelle e il mantenimento della stabilità del peso.

Nel mondo frenetico e mediatico di oggi, le persone vogliono apparire e sentirsi al meglio. Mentre le opzioni non chirurgiche continuano a svolgere un ruolo importante nella gestione del viso che invecchia, i lifting sono ancora il gold standard per coloro che vogliono apparire giovani e riposati.

How to get the best results from your facelift

 

Lifting della coscia mediale assistito da liposuzione in paziente con dimagrimento rilevante

Di Pietro V, Gianfranco MC, Cervelli V, Gentile P

Dipartimento di Chirurgia Plastica Ricostruttiva e Rigenerativa, Università di Roma “Tor Vergata”, Italia.
Dipartimento di Chirurgia Plastica e Ricostruttiva, Università Cattolica, “Our Lady of Good Counsel”, Tirana, Albania.

Il sollevamento della coscia può essere associato a complicazioni significative, se l’eccesso mediale della coscia viene rimosso in blocco. In questo studio, la liposuzione -assistita mediale ascensore di coscia (Lamet) procedura, i risultati e le complicanze sono stati valutati.

Sono state arruolate 24 donne tra i 25 ei 61 anni con grado 2 o 3 su Pittsburgh Rating Scale (PRS) trattate con riduzione della coscia mediale. La riduzione della coscia mediale è stata eseguita in tre diverse procedure di verticale, orizzontale e LAMeT. Lifting della coscia verticale con sospensione della fascia è stato condotto in 13 pazienti con grado 3 di ptosi su PRS; il sollevamento della coscia orizzontale con sospensione della fascia è stato effettuato in 3 pazienti con grado 2 in PRS; l’ascensore verticale e orizzontale della coscia considerato come gruppo di controllo è stato descritto come gruppo di sola escissione; e LAMeT è stato eseguito in 8 pazienti con grado 2 e 3 su PRS.

RISULTATI:
Complicazioni sono state osservate nel 62,5% dei pazienti sottoposti a sollevamento della coscia verticale o orizzontale con sospensione della fascia e nel 16,7% che hanno sperimentato il LAMeT senza sospensione della fascia. La complicazione più frequente è stata il sieroma. La degenza ospedaliera era significativamente inferiore nel LAMeT.

CONCLUSIONE:
Il lifting mediale della coscia è una procedura sicura e soddisfacente poiché fornisce un miglioramento estetico in pazienti con perdita di peso massiva. Il tasso di complicanze è più alto quando l’eccesso e la lassità cutanea vengono rimossi in blocco, poiché la resezione del tessuto in eccesso è scarsamente selettiva. Il LAMeT conserva i vasi linfatici e sanguigni e consente una resezione più anatomica della pelle in eccesso. Quindi l’incidenza di complicanze postoperatorie è più bassa e il paziente guarisce più velocemente.

tradgo

Medial Thigh Contouring in Massive Weight Loss: A Liposuction-Assisted Medial Thigh Lift.

 

Gli innesti a spessori divisi si sviluppano dal basso verso l’alto in lesioni della pelle di grandi dimensioni.

Jalili RB , Pourghadiri A, Li Y, Cleversey C, Kilani RT, Ghahary A

L’innesto cutaneo autologo a spessore spaccato è necessario per la sopravvivenza di pazienti con gravi ustioni e difetti della pelle. Non è chiaro come un sottile innesto cutaneo a spessore diviso diventi notevolmente più spesso entro poche settimane dal trapianto. Qui, abbiamo ipotizzato che la crescita dell’innesto spaccato di spessore dovrebbe essere dal basso verso l’alto probabilmente attraverso la conversione delle cellule immunitarie in cellule di pelle produttrici di collagene. Abbiamo testato questa ipotesi in un modello preclinico suino trapiantando la pelle a maglie spesse (spessore di 0,508 mm, maglia a rapporto 3: 1) su ferite a pieno spessore nei suini. La nuova formazione di tessuto è stata valutata il giorno 10 e 20 dopo l’operazione attraverso l’analisi istologica e la co-colorazione per i marcatori delle cellule immunitarie (CD45) e il collagene di tipo I. I risultati hanno rivelato che un innesto spaccato di spessore è cresciuto dal basso verso l’alto e ha raggiunto quasi lo stesso livello della pelle non ferita entro 60 giorni dall’intervento. Il risultato della colorazione immunitaria ha identificato un gran numero di cellule, che hanno co-espresso il marker di cellule immunitarie (CD45) e il collagene il giorno 10 dopo l’operazione. È interessante notare come il numero di queste cellule si ridusse il giorno 20, la maggior parte di queste cellule divenne positiva per la produzione di collagene. In un’altra serie di esperimenti, abbiamo testato se le cellule immunitarie possono convertirsi in cellule produttrici di collagene in vitro. In conclusione,, i risultati hanno mostrato che le cellule immunitarie aderenti al topo iniziarono ad esprimere il procollagene di tipo 1 e l’actina del muscolo liscio durante la coltura in presenza di terreni con fibroblasti condizionati.

tradgo

Split Thickness Grafts Grow from Bottom Up in Large Skin Injuries

 

Il lipotransfer arricchito di cellule staminali inverte gli effetti della fibrosi nella sclerosi sistemica.

Almadori A, Griffin M, Ryan CM, Hunt DF, Hansen E , Kumar R, Abraham DJ , Denton CP, Butler PEM

La fibrosi oro-facciale nella sclerosi sistemica (Scleroderma; SSc) ha un impatto importante sulla funzionalità della bocca, l’aspetto facciale e la qualità della vita del paziente. Lipotransfer è un metodo di ricostruzione che può essere utilizzato nel trattamento della fibrosi oro-facciale. L’effetto di questo trattamento non solo ripristina il volume oro-facciale, ma è stato anche trovato per invertire gli effetti della fibrosi oro-facciale. Le cellule staminali derivate dal tessuto adiposo (ADSC) all’interno del tessuto adiposo innestato hanno dimostrato di essere anti-fibrotiche in SSc e sono proposte come il meccanismo dell’effetto anti-fibrotico del lipotrasferone. Una coorte di 62 pazienti con SSc con fibrosi oro-facciale sono stati valutati prima e dopo il trattamento con lipotrasferone arricchito con cellule staminali. La valutazione clinica comprendeva la valutazione della funzionalità della bocca mediante uno strumento di valutazione validato (Handicap della bocca nella scala della sclerosi sistemica-MHISS), misure psicologiche convalidate e valutazione volumetrica pre e postoperatoria. Inoltre, per comprendere il meccanismo con cui si verificano gli effetti anti-fibrotici delle ADSC, i fibroblasti derivati ​​da SSc e le ADSC di questa coorte di pazienti sono stati co-coltivati ​​in sistemi di coltura diretti e indiretti e confrontati con i controlli di monocultura. Sono stati valutati la vitalità cellulare, il contenuto di DNA, la secrezione proteica di mediatori fibrotici noti compreso il fattore di crescita β1 (TGF β-1) e il fattore di crescita del tessuto connettivo (CTGF) usando l’analisi ELISA e l’espressione del gene della fibrosi utilizzando un array di qPCR specifico per la via della fibrosi. La funzione bocca (MHISS) è stata significativamente migliorata (6,85 ± 5,07) (p <0,0001) dopo il trattamento. Tutte le misure psicologiche sono state significativamente migliorate: DAS 24 (12,1 ± 9,5) (p <0,0001); HADS-ansia (2.8 ± 3.2) (p <0.0001), depressione di HADS (2.0 ± 3.1) (p <0. 0001); BFNE (2,9 ± 4,3) (p <0,0001); VAS (3,56 ± 4,1) (p <0,0001). Trattamenti multipli hanno migliorato ulteriormente la funzione della bocca (p <0,05), DAS (p <0,0001) e VAS (p = 0,01). Vitalità dei fibroblasti SSc e proliferazione è stata significativamente ridotta in co-coltura rispetto alla monocoltura attraverso un effetto paracrino in 14 giorni (p <0,0001). La secrezione proteica del fattore di crescita trasformante (TGF-β1) e del fattore di crescita del tessuto connettivo (CTGF) era significativamente ridotta in co-coltura rispetto alla monocoltura (p <0,0001). I geni associati alla fibrosi multipla sono stati regolati in co-coltura con SSc rispetto alla monocultura dopo 14 giorni inclusi Matrix metalloproteinase-8 (MMMP-8), Fattore di crescita derivato da piastrine-β (PDGF-β) e Integrina Subunità Beta 6 (ITG-β6) . In questo studio di coorte aperto, il lipotrasfer arricchito con cellule staminali autologhe ha migliorato significativamente gli effetti della fibrosi oro-facciale in SSc. Il lipotransfer può ridurre la fibrosi dermica attraverso la soppressione della proliferazione dei fibroblasti e dei regolatori chiave della fibrogenesi, inclusi TG-β1 e CTGF. I nostri risultati giustificano ulteriori indagini in uno studio controllato randomizzato.

tradgo

Stem cell enriched lipotransfer reverses the effects of fibrosis in systemic sclerosis

Terapia a radiofrequenza e condizioni cutanee non fotometriche

La necessità di metodi non invasivi nel trattamento della malattia cutanea ha continuato a evolversi esponenzialmente. In mezzo alla ricerca di tecnologie, la radiofrequenza (RF) si è dimostrata efficace in numerosi processi di malattia della pelle. Sebbene la RF sia ben nota per la sua utilità cosmetica, il suo meccanismo è apprezzato nel trattamento di molte condizioni cutanee non fotogeniche di varie eziologie. Continue reading “Terapia a radiofrequenza e condizioni cutanee non fotometriche” »

Il lembo di avanzamento miocutaneo di tipo flip-back per la ricostruzione perioculare

SCOPO: Presentare un nuovo lembo miocutaneo per la ricostruzione anteriore lamellare.

METODI: Serie di casi interventistici retrospettivi di pazienti consecutivi sottoposti a ricostruzione di Mohs utilizzando il lembo a strappo. Le operazioni sono state eseguite da un singolo chirurgo (DTT) tra gennaio 2012 e maggio 2016. Per i difetti palpebrali inferiori, è stata eseguita un’incisione subclattaria estesa e un lembo della pelle-muscolo sviluppato e sospeso alla maniera della blefaroplastica palpebrale inferiore. Si è utilizzato un back-cut per sviluppare un peduncolo dal tessuto sovrapposto, che è stato poi ruotato di 180 gradi nel difetto. Un metodo simile è stato impiegato in modo invertito per difetti palpebrali superiori. Sono state valutate la funzione palpebrale postoperatoria, la cosmesi, le complicanze e la necessità di ulteriori interventi. Continue reading “Il lembo di avanzamento miocutaneo di tipo flip-back per la ricostruzione perioculare” »

Benefici dell’iniezione di PRP per il fotoinvecchiamento al viso

I pazienti con fotoinvecchiamento al viso hanno riportato miglioramenti sia nella struttura della pelle che nelle rughe dopo una singola iniezione di plasma ricco di piastrine (PRP) rispetto alla soluzione salina (placebo), uno studio clinico randomizzato parallelo, a volto diviso, trovato. Continue reading “Benefici dell’iniezione di PRP per il fotoinvecchiamento al viso” »

4 indizi genetici sulla predisposizione alla perdita dei capelli

La perdita dei capelli avviene per molte persone, compresi uomini e donne, e molto spesso, non c’è molto che possa essere fatto al riguardo. Gli indizi genetici a cui sarai incline alla caduta dei capelli sono soggetti a molti miti che nessuno sembra ricordare – è il papà di tuo padre chi è in grado di prevedere in qualche modo il tuo o il papà di tua madre? Mentre sapere in un modo o nell’altro non farà la differenza nel lungo periodo, ci sono alcune variazioni genetiche e disturbi genetici che possono influire sulle tue possibilità di perdita di capelli. Continue reading “4 indizi genetici sulla predisposizione alla perdita dei capelli” »

Uno sguardo interno alla leggendaria fabbrica di Botox a Westport, in Irlanda

Benvenuti nella “Botox Capital of the World”, una città irlandese con una popolazione di appena 5.543.

Scommetto un sacco di dollari che non puoi immaginare da dove provenga Botox . Una vasca incrostata di cristalli avvolta in azoto liquido e sepolta sotto le colline di Hollywood? Bel tentativo! Ma no. Un bunker di cemento nel deserto dell’Arizona circondato da filo spinato e tumbleweed?Vedo dove stai andando, ma nemmeno vicino. Sono stato nel posto che produce la fornitura dell’intero pianeta del farmaco levigante e levigante, ed ecco come sono arrivato lì: volando a Dublino (quello in Irlanda) e guidando per 156 miglia, attraverso il paese , in un villaggio immerso in una costa frastagliata e frastagliata dal vento. Continue reading “Uno sguardo interno alla leggendaria fabbrica di Botox a Westport, in Irlanda” »